Notizia

I Migliori Telescopi per Principianti

1.88Kviews

Abbiamo trascorso più di 20 ore a setacciare Internet per ogni risorsa scritta sull’acquisto del tuo primo telescopio. Siamo andati al Laboratorio sui telescopi di Rose City Astronomers nel 2017, e abbiamo intervistato i suoi membri e il presidente del club sulle prove e le tribolazioni più comuni a cui hanno assistito quando i nuovi osservatori del cielo iniziano a spostare lo sguardo verso l’alto. Mentre a Los Angeles ci siamo fermati dal noto Telecamera e telescopio di Woodland Hills, così come il Osservatorio Griffith parlare con lo staff.

Dopo aver intervistato i nostri esperti e aver letto NightWatch: una guida pratica alla visualizzazione dell’universo, Riferimento per eccellenza di Terence Dickinson, oltre a ricevere consigli da fonti pubblicate su GeekWrapped, Space.com, Sky & Telescope, e il tratto interno di Notti nuvolose forum, avevamo un’idea abbastanza chiara di ciò che stavamo cercando.

Apertura potrebbe essere il componente più discusso di un telescopio. L’apertura è il diametro dello specchio o dell’obiettivo del telescopio e determina la quantità di luce che il telescopio lascia entrare e, a sua volta, la nitidezza dell’immagine.

Si può dire che questi criteri corrispondono alla forza e alla potenza del telescopio. Eppure, come ci hanno avvertito Mounsey di Woodland Hills Camera & Telescopes e Oak Canyon Astronomy Group, un errore che i principianti fanno quando scelgono un telescopio è pensare che più grande è sempre meglio quando si tratta di apertura. Un’apertura maggiore significa spesso un prezzo più alto e un telescopio più ingombrante.

Come ha sottolineato Mounsey, la necessità di un’apertura maggiore dipende da dove stai guardando e da cosa speri di vedere. Se stai osservando cieli super-bui con la speranza di vedere oggetti del cielo profondo come nebulose diffuse, nebulose planetarie, ammassi aperti, ammassi globulari e galassie del catalogo di Messier, la massima “maggiore apertura equivale a una migliore visione” è vera. Un’altra preoccupazione: il mito dell ‘”apertura urbana” suggerisce che un telescopio con un’apertura maggiore raccoglierà l’inquinamento luminoso in eccesso negli ambienti urbani, influenzando così le prestazioni.

Un’apertura più ampia raccoglierà infatti più luce stellare in qualsiasi scenario, consentendo di visualizzare oggetti più deboli. Detto questo, le aperture più grandi sono più sensibili alle correnti di calore e alle condizioni atmosferiche turbolente e ciò può influire sulla nitidezza dell’immagine. Per il nostro pool di test non ci siamo avventurati nelle aperture molto più grandi da 10 pollici, 12 pollici o più di 14 pollici, che sono spesso così grandi e ingombranti da dissuadere molte persone dal tirare fuori il loro telescopio e usarlo tanto possibile.

 

Acquista online il prodotto che stai cercando su Aosom.it

 

Ingrandimento è anche una grande considerazione, ed è determinata da due cose. La prima è la lunghezza focale, o la distanza (in millimetri) tra la lente o lo specchio principale del telescopio e il punto in cui i raggi luminosi si uniscono. La lunghezza focale è uguale al rapporto focale del telescopio (numero f /) moltiplicato per il diametro dell’ottica primaria, o apertura. È la lunghezza focale il fattore principale nel determinare il potere di ingrandimento del telescopio.

Una maggiore potenza di ingrandimento significa che puoi vedere oggetti più piccoli che sono più lontani, ma non significa necessariamente una migliore qualità dell’immagine. A ingrandimenti inferiori l’immagine che osservate può apparire luminosa e con una buona risoluzione, mentre a ingrandimenti maggiori la stessa quantità di luce viene dispersa su un’area più ampia, risultando in un’immagine più grande ma più sfocata. Pensa all’effetto di far esplodere un’immagine sul tuo telefono o computer oltre le sue dimensioni normali. Non sempre ottieni la migliore qualità dell’immagine.

La seconda componente chiave per determinare l’ingrandimento è l’oculare del telescopio. Per calcolare il potere di ingrandimento del tuo telescopio, devi dividere la lunghezza focale del telescopio per la lunghezza focale dell’oculare. Se metti un oculare da 10 mm su un telescopio con una lunghezza focale di 1000 mm, ad esempio, il tuo potere di ingrandimento sarà 100x.

È possibile determinare i limiti di ingrandimento di un telescopio moltiplicando il diametro (in millimetri) della lente principale o dello specchio per 2. Quindi un telescopio da 150 mm, ad esempio, avrebbe un limite di ingrandimento pratico di circa 300x. Come regola generale, la quantità massima di ingrandimento desiderato per un telescopio è 50x per pollice di apertura. Se hai la nostra prima scelta, il Celestron NexStar 5SE, che vanta un’apertura da 5 pollici, 250x è l’ingrandimento più elevato, o potenza, dovresti considerare.

Lenti a contatto sono un’altra considerazione. Una lente di Barlow viene fornita come accessorio con molti dei telescopi che abbiamo testato. Questo sistema di lenti ausiliarie si inserisce tra il telescopio e l’oculare, diminuendo la lunghezza focale dell’oculare e offrendo il doppio o talvolta anche il triplo dell’ingrandimento dell’immagine.

Tutti i telescopi che abbiamo testato sono dotati di un oculare da 20 mm o 25 mm. La maggior parte dei modelli che abbiamo provato è dotata anche di un oculare da 10 mm. Può sembrare controintuitivo, ma l’oculare da 10 mm offre un maggiore ingrandimento, producendo un’immagine ingrandita e un campo visivo più piccolo.

UN ambito del cercatore viene fornito con un telescopio ed è normalmente montato sul telescopio stesso. Ogni mirino ha un punto rosso a batteria o un set di mirini per consentire di allineare e centrare un oggetto nel suo mirino. Allineare il cannocchiale cercatore prima di visualizzare attraverso il telescopio è un passaggio essenziale che ti aiuterà a individuare ciò che stai cercando attraverso il telescopio più potente.

Il mirino ti aiuta a localizzare un oggetto nel cielo, alle sue dimensioni normali, prima di guardare attraverso l’oculare. Foto: Caleigh Waldman

 

Acquista online il prodotto che stai cercando su Aosom.it

 

Successivamente, abbiamo appreso i diversi tipi di ambiti. In un rifrattore telescopio, la luce passa attraverso la lente nella parte anteriore e viaggia direttamente verso uno specchio sul retro del cannocchiale e poi nell’oculare. Tramite questo tipo di telescopio è possibile visualizzare gli oggetti sia nel cielo che sulla terra, perché l’immagine non è invertita all’interno del telescopio. Il compromesso è che questo tipo di telescopio generalmente non funziona altrettanto bene con gli oggetti deboli nel cielo.

UN riflettore il telescopio utilizza due specchi invece di una lente per raccogliere e focalizzare la luce. Tali modelli in genere consentono una qualità dell’immagine superiore di oggetti del cielo deboli. Il rovescio della medaglia, i telescopi riflettori possono raccogliere più polvere e detriti nei loro componenti interni e richiedono un po ‘più di manutenzione. I telescopi dobson, un tipo di modello di riflettore, sono spesso indicati nei circoli astronomici come “secchi di luce”.

UN composto, o Schmidt-Cassegrain, Il telescopio (a volte indicato come telescopio catadiottrico o in breve Cassegrain) è una combinazione di due specchi e una lente. Questi ambiti sono i migliori per la visualizzazione di oggetti deboli e possono funzionare anche per la visualizzazione di oggetti sulla terra.

Alla fine, abbiamo familiarizzato con i supporti su cui vengono montati gli ambiti. Un montatura altazimutale, o monte alt -aziumth, è un sistema semplice che si muove sia verticalmente (movimento “altitudine” su e giù) che orizzontalmente (movimento “azimut” da lato a lato). Questo tipo offre la migliore esperienza per principianti, in termini di facilità d’uso e controllo dell’ambito. Questi supporti a volte sono dotati di controlli del computer che troveranno gli oggetti nel cielo per te.

Una gif di una persona che ruota il telescopio riflettore OneSky di Astronomers Without Borders, all'esterno in un campo in erba di notte.
“Altazimuth” è un modo elegante per dire che un telescopio può muoversi sia su che giù e lateralmente. Video: Caleigh Waldman

Montature equatoriali sono più complicati e devono essere allineati con l’asse terrestre. Dopo averlo fatto, l’oscilloscopio tiene traccia degli oggetti nel cielo mentre si muovono. Questo design è particolarmente utile per l’astrofotografia, perché elimina la rotazione del campo mentre segue l’oggetto attraverso il cielo notturno.

 

Acquista online il prodotto che stai cercando su Aosom.it

Acquista online il prodotto che stai cercando su Aosom.itAosom è un’azienda globale specializzata nella vendita online di attrezzature outdoor, arredamento per la casa, fitness, articoli per animali domestici, per bambini, hobby e tempo libero. Offrire ai propri clienti prodotti di alta qualità a un prezzo di fabbrica senza inutili e costosi passaggi intermedi. Hanno un enorme catalogo di prodotti di oltre 200.000 prodotti selezionati, velocità di consegna, servizio clienti professionale e prezzo competitivo per soddisfare i clienti mentre li acquistano. Visita Aosom.it e non perdere le offerte e le promozioni proposte solo sulla loro pagina.

 

 

Leave a Response

x