Notizia

Call of the wild: la Scozia è pronta per il Ritorno della Lince?

1.29Kviews

Un nuovo studio potrebbe essere il primo passo nel più entusiasmante progetto di ricostruzione della Gran Bretagna? Hanna Lindon dà un’occhiata. 

All’inizio di quest’anno, gli ambientalisti hanno lanciato un file studio lungo un anno valutare la fattibilità sociale del ritorno della lince in Scozia. La lince eurasiatica è stata portata all’estinzione in Gran Bretagna più di 500 anni fa dalla caccia e dall’esaurimento dell’habitat. Ora un gruppo di enti di beneficenza – Scotland: The Big Picture (STBP), Trees for Life e Vincent Wildlife Trust – vuole valutare l’appetito del pubblico per la reintroduzione del terzo predatore più grande d’Europa.

“Questa non è una campagna per reintrodurre la lince, anche se non nascondiamo il fatto che vorremmo tornare indietro”, afferma Peter Cairns, direttore esecutivo di STBP. “È uno studio di fattibilità sociale. L’obiettivo è valutare accuratamente il sostegno del pubblico e delle parti interessate per la lince – o addirittura no. E anche per identificare eventuali barriere comuni esistenti e come potrebbero essere superate con un approccio collaborativo e sostenibile“.

Un primo passo fondamentale

Il suggerimento che la lince possa essere restituita nelle Highlands scozzesi e in altre aree remote della Gran Bretagna non è di per sé una novità. L’idea era discussa per la prima volta in Scozia nel 2008 e nel 2018 è stata proposta la liberazione di sei animali nel Northumberland respinto dal governo. Gli studi precedenti lo hanno fatto modellato come potrebbe essere la reintroduzione della lince in Scozia e ha stimato quanti animali la campagna scozzese potrebbe sostenere.

Tuttavia, questo nuovo studio è un primo passo fondamentale per ottenere una licenza ufficiale per qualsiasi reintroduzione.

“Il processo [for reintroductions] è fare una richiesta di licenza dall’ente di rilascio delle licenze legale – che nel nostro caso è NatureScot – e per farlo devi prima dimostrare che c’è accettazione sociale e tolleranza per qualsiasi specie, in particolare un grande predatore “, dice Peter. “Quindi è necessario in termini legali così come in termini filosofici, perché senza il supporto delle persone il processo è molto più difficile, se non impossibile.”

 

Acquista i migliori capi di abbigliamento, bellezza e decorazioni per la casa su Coin.it

 

Lince nel paesaggio

Lo studio Lynx to Scotland inizierà concentrandosi su due aree che sono state identificate come habitat idoneo per la lince: i Cairngorms e l’Argyll. Entrambi hanno grandi popolazioni di caprioli, che attualmente sono controllati solo attraverso l’intervento umano.

“Il costo della gestione dei cervi in ​​tutta la Scozia è enorme”, sottolinea Peter. “La silvicoltura e il territorio scozzese spendono enormi quantità di denaro per l’abbattimento dei cervi dei boschi. Poi c’è il costo della scherma dei cervi dentro e fuori. Ma la lince è un servizio di gestione dei cervi gratuito ed efficiente. Regolano il numero di erbivori e dal punto di vista ecologico sono riconosciuti come motori vitali di ecosistemi sani “.

Disperdendo i cervi nel paesaggio e lasciando i resti delle uccisioni per gli animali più piccoli con cui banchettare, la lince potrebbe sia controllare il numero dei cervi che migliorare la biodiversità in tutta la Scozia. In definitiva, questo potrebbe persino portare a cambiamenti visibili al paesaggio stesso.

“Non trasformeranno rapidamente il paesaggio ed è improbabile che ci sarà un impatto radicale che non potremmo ragionevolmente immaginare”, afferma Peter. “Ma per un periodo di tempo penso che ripristinano i processi ecologici che mancano in tutta la Gran Bretagna, anche se in termini visivi sarà sfumato e piuttosto lento”.

Camminare con i gatti selvatici

I ricercatori di Lynx to Scotland si confronteranno con le parti interessate come agricoltori, proprietari terrieri, ghillies, guardiacaccia e operatori del turismo, ma il piano è anche quello di raccogliere l’opinione di coloro che visitano e si godono la campagna scozzese.

La maggior parte delle organizzazioni concorda sul fatto che la lince non rappresenta una minaccia per gli esseri umani. Secondo il Lynx UK Trust, non ci sono attacchi registrati agli esseri umani da parte di lince eurasiatica in nessuna parte del mondo. Quindi quale interazione avrebbero i camminatori con queste creature segrete se dovessero essere reintrodotte nelle Highlands?

“Un avvistamento sarebbe un evento raro”, dice Peter. “Potresti camminare sulle colline per molti anni nella regione della lince senza vedere una lince. Sono animali dei boschi: fanno affidamento sulla copertura per rimanere nascosti. Questo non vuol dire che non ne vedresti le prove. Tendono a nascondere la loro preda, quindi se stavi camminando su un sentiero di montagna potresti annusare un capriolo che era stato nascosto da una lince. È anche possibile che tu possa vedere le tracce. ”

Nonostante le scarse possibilità di avvistamento, prove da altri paesi in cui è stata introdotta la lince suggeriscono che i carismatici gatti selvatici sono una grande attrazione turistica – un altro argomento a sostegno della loro reintroduzione.

 

Acquista i migliori capi di abbigliamento, bellezza e decorazioni per la casa su Coin.it

La lunga strada per il rilascio

Sebbene precedenti indagini abbiano suggerito che il più ampio pubblico scozzese è ampiamente a favore della reintroduzione della lince, è probabile che ci sia resistenza da parte degli agricoltori e dei proprietari terrieri locali. NFU Scotland ha già affermato che “qualsiasi proposta per reintrodurre predatori come la lince o il lupo è di enorme preoccupazione per gli agricoltori e gli allevatori scozzesi”. L’organizzazione ha citato rapporti provenienti dalla Norvegia di agricoltori di collina che perdevano il bestiame a causa della predazione della lince.

Peter crede che queste preoccupazioni siano fuori luogo. Sottolinea che le pecore norvegesi si trovano nelle foreste e che la predazione è quindi esponenzialmente più alta nel paese scandinavo che in qualsiasi altra parte d’Europa. “Un esempio più comparabile potrebbe essere la Svizzera”, suggerisce, “dove perdono qualcosa come 70 pecore all’anno in tutto il paese”.

Indipendentemente dal fatto che tale opposizione sia fondata, è ancora la più grande barriera che i sostenitori della reintroduzione della lince devono superare. Secondo il dottor David Hetherington, autore di The Lynx and Us, le reintroduzioni in Baviera e Austria negli anni ’80 fallirono perché i cacciatori locali erano contro di loro e molti degli animali liberati furono uccisi. Preoccupazioni simili esisterebbero se la lince fosse restituita in Scozia senza il sostegno delle comunità rurali. Potrebbero subire la stessa sorte di L’ultima aquila reale del Galles? 

“Questa è una conversazione che è in corso da molti anni e varie persone l’hanno sollevata un pò dappertutto”, dice Peter. “Ma la linea di fondo è che per portarlo avanti questo studio è un passo essenziale.”

 

Acquista i migliori capi di abbigliamento, bellezza e decorazioni per la casa su Coin.it

Acquista i migliori capi di abbigliamento, bellezza e decorazioni per la casa su Coin.itCoin è il department store italiano dedicato al mondo dell’abbigliamento, della bellezza e dell’home decoration. Completa la tua esperienza di acquisto con l’ampia selezione di prodotti di Coin comodamente https://maracasdowntown.com/ da casa tua. Acquista per marchio, per offerte speciali e sconti speciali quando visiti coin.it oggi!

 

Leave a Response

x